Visagista da Treno

Visagista da Treno

Io sono una pendolare. E quando non pendolo tra la Brianza e il centro di Milano, sento così tanto la mancanza dei treni che anche per andare in Calabria scelgo il treno. Eppure, sia chiaro, io il treno lo odio.
C’è sempre troppo tempo libero, posso fare le cose con troppa calma, tant’è che alla fine non faccio nulla.
Tranne truccarmi. Perché truccarmi in treno mi piace proprio.

Non che io sia la “Visagista delle Dive”, ma sono riuscita ad organizzare una mini-pochette nella quale ho tutto quello che mi serve per avere un aspetto meno rassomigliante possibile ad una comparsa di The Walking Dead (non so perché ma gli zombie sono per me il paragone più azzeccato per la mia faccia mattutina. E forse anche per la camminata post-alzataccia)

Quindi fondamentale avere dietro Correttore anti-brufolazzo/tapparella/occhiaia da nerd, fondotinta compatto per avere una pelle che non sembri la parte con i lavori in corso (????) della Salerno-ReggioCalabria, fard di un colore tenue per evitare che allo scambio del binario ci parta la mano con il pennello ottenendo l’effetto Regina di Cuori, mascara da stendere solo ed esclusivamente durante le fermate e gloss chiaro (stesso motivo del fard). Fondamentale è avere dietro uno stick struccante da usare in caso di errori. Ah, ovviamente tutto stesso con il miglior pennello naturale: il polpastrello dell’indice!!!

image

A voi non capita mai di truccarvi in posti tutt’altro che normali? E qual’è il risultato? Ma soprattutto: come avete organizzato la vostra pochette?

Forse è ora che le aziende di make up inizino a fare più formati da viaggio…ora scrivo a Chanel!!!!

Mariella

Annunci

8 pensieri su “Visagista da Treno

  1. Io una volta la mese circa ultimamente vado a Bologna. Il treno va talmente piano e fa talmente tante fermate che io… mi metto lo smalto: base, due passate di lacca, fissatore. Pensa te.

  2. Io abito metà settimana nella città in cui studio, l’altra metà nella mia città natale, quindi sono un’habituée del trucco itinerante 🙂 Però non viaggio in treno, ma col bus della SITA, meno spazio a disposizione ma forse anche meno “sballonzolamenti”, quindi sono un po’ più fortunata!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...