Gli Sposi di Maggio

Gli Sposi di Maggio

Questo mese me la sono voluta far facile: oggi, 17 maggio, è il secondo anniversario di matrimonio delle Polpette, quindi come non preparare una Playlist con alcune delle nostre canzoni.

Io e Angelo ci siamo conosciuti in discoteca, e per buona parte (per ora 😉 ) della nostra storia, ballare è stata la nostra occupazione principale nel tempo libero.

Siamo stati presenza fissa nei mercoledì dei Magazzini, nei venerdì e sabati del Tunnel, abbiamo viaggiato per ballare e abbiamo vissuto momenti bellissimi con sottofondi trance e techno.

Poi è subentrato il sonno, ma la musica dabballare resta la nostra preferita. Ed è quella che facciamo ascoltare principalmente anche a Leone (piccoli clubber crescono).

Così oggi sono già passati due anni da quello che è ancora uno dei giorni più belli della nostra vita. Il 17maggio2014 è stato un giorno di vittoria per me, pieno di soddisfazioni e gioia. Sento tutte quelle emozioni ancora oggi, tanto che mi risposerei altre mille e mille volte!

E ora: let’s dance!

Spero che la playlist Nozze di Cotone vi piaccia!

Enjoy it!

Il Nostro Matrimonio è (Stato) Differente

Il Nostro Matrimonio è (Stato) Differente

270 invitati, 210 partecipanti da tutta Italia e dagli USA, 4500 Garofani, circa, utilizzati in più di 50 Flower Balls, più di 100 palloncini, migliaia di fazzoletti, 50 sacchetti di riso, un aperitivo e una cena con 6 portate, 26 kg di dolci, litri e litri di acqua, vino bianco e rosso, rum, gin, vodka centinaia di fichi, migliaia di confetti, due Bouquet, due giarrettiere, 3 paia di scarpe, due vestiti, due anelli, l’attesa di un viaggio di nozze fantastico, due famiglie, due persone e tanto tanto tanto amore.

Approssimativamente (ho erroneamente eliminato la bozza del post scritta il giorno dopo, con dati più corretti, e ora mi tocca andare a memoria) questi sono i numeri che hanno portato ad essere il Nostro Giorno uno dei più belli della nostra vita.

E’ passato già un mese, e mi sento come se ancora dovesse succedere tutto. Solo ora riesco a scrivere questo post, nonostante il tempo passato, le emozioni sono ancora vive e presenti. Non sono obbiettiva, sono di parte, non sono lucida quando ne parlo: il nostro Matrimonio non è stato bello, è stato ASSOLUTAMENTE STRABILIANTE, fantastico, meraviglioso. E a renderlo così speciale è stato solo tutto l’amore che ha pervaso ogni singolo componente dell’evento.

C’era amore nelle nostre famiglie. Amore tra gli invitati durante tutto il matrimonio. Amore nell’aria. Amore tra Angelo e Mariangela.

Sarà difficile, per fortuna, dimenticare quello che la gente intorno a noi ci ha trasmesso…sarà che abbiamo improntato tutto l’evento più sui nostri invitati che su noi stessi, sarà che abbiamo famiglie e amici di una bellezza rara, sarà perchè ti amo, sta di fatto che non c’è stato un singolo partecipante che non ci ha fatto sentire soddisfatti del nostro lavoro. Ognuno ha investito quanto più poteva pur di stare con noi, sorreggerci e festeggiarci, ed è stato grazie all’affetto di ogni singolo componente che i tasselli di un grande puzzle si sono messi al loro posto soli, come per magia.

Abbiamo voluto sposarci per avere, almeno una volta nella vita, tutte le persone che amiamo insieme, intorno a noi. Ed è stato bellissimo…grazie a tutti voi che sapete che questo grazie è per voi…per chi c’ è stato fisicamente, per chi non ha potuto, per chi ci ha aiutato, per chi ci ha “preparato”, per chi ci ha abbellito, per chi ci ha tenuto.

Volete vedere quanto amore c’era? Allora scorrete sotto…io mi emoziono un sacco guardando queste foto!

P.S.: non sono brava a photoshoppare, perciò tutte le foto sono come mi sono state date, senza trucco e senza inganno. Al massimo con qualche filtro Instagram.

P.P.S.: mi dispiace di non avere foto con tutti…

 

Polpetta e la sua mamma. (Thanks to Mediterraneo Palace Hotel)
10366155_867250553291683_109610005339421781_n

Io e il mio papà (nascosto), sulla meravigliosa Ape che ho sognato per una vita…

10341694_867251406624931_4855868350209582353_n

Le mie foto preferite…

(ph. Francesco Bruno)

_MG_9634

(ph. Francesco Bruno)

_E1Y0205

(ph. Marco Caputo Films)

10300208_10203337070282723_3538925247911525470_n

(ph. Marco Caputo Films)

10320512_10203337068522679_2982910175382733825_n

(ph. Marco Caputo Films)

10363933_10203337069362700_7970378170834895991_n

Polpetta’s family

_MG_9667

Sticazzi’s family

_E1Y0392

“Vi dichiaro Marito e Moglie”

_E1Y0084

(thanks to MariaEmanuela for this beautiful collage)

10371730_10154216038930192_4611670717751906518_n

I nostri bellissimi Testimoni

_E1Y0080

The best friends ever…

_E1Y0280

_E1Y0302

10374898_10203733722131421_7224360106934760272_n

Polpette in Love @ Chianura, Amantea

_E1Y0382

_E1Y0398

_E1Y0438

Collage tratto dalla chiacchierata su Skype, fatto da nostro cugino Juancho che vive a Panama! (beato lui!)

Wedding 1 - Juancho

#cuginanzainlove

Capanna/Sesti/Campaiola/Palladino

La nostra bellissima torta, con SuperMario e la Principessa Peach! (thanks to Liliana)

_E1Y0456

Selfie time con le mie amiche…

_E1Y0121

…e con mia sorella!

10385371_10203712569523124_6689244860225457105_n

 

 

Grazie a tutti. Non lo dimenticheremo mai.

Sig.ri Polpette

Il Nostro Matrimonio è Differente: – 30 giorni

Il Nostro Matrimonio è Differente: – 30 giorni

20140417-085029.jpg

Sono passati più o meno 11 mesi. Da quel giorno in cui si è presa la decisione di sposarsi, all’incirca, quello è il tempo passato.

La certezza è che oggi, 17 aprile, mancano 30 giorni al “quel” giorno.

E dopo 11 mesi di tranquillità, pacatezza, apatia, oggi, 17 aprile, ho fatto il botto.

Cioè, piango da questa mattina, da quando ho visto questo:

Ho pianto vedendo questo:

Poi ho sentito questa, e ho pianto:

E non sto i riportarvi gli spezzoni di The Voice, Affari tuoi, Boss delle Torte, che mi hanno totalmente prosciugata.

 

So’ disperata. C’ho due occhi che sembro un ranocchio e ‘sto naso che cola in continuazione.

Inizia bene il mio ultimo mese da nubile.

 

 

Aria Fritta

Aria Fritta

L’arrivo della primavera mi rende sempre particolarmente euforica nei confronti della vita e del mondo che mi gira intorno, e mi fa odiare il lavoro che porta via così tanto tempo alle mille mila cose che vorrei fare.

L’arrivo della primavera a Milano, in particolar modo, potenzia questa sensazione, e so benissimo a cosa è dovuto…il mio primo appuntamento amoroso con la città fu proprio durante una primavera, 10 anni fa. Alcuni mesi vissuti intensamente, con lo spirito della newbie alla sua prima storia a distanza, con una cornice fatta di rosse gemme e giallo sole, verde Sempione e grigio smog, giallo China e blu notte.

Quell’anno il seme dell’amore tra me e Milano era stato piantato, e nonostante ci siano voluti anni per farlo germogliare e crescere, sono 5 anni che ad ogni primavera sboccia. Sempre più forte e bello e colorato.

Oggi mi sono concessa una passeggiata tra il caos della Design Week, tra gente che calpesta Milano senza alzare mai gli occhi, dritta verso chissà quale evento o a fotografare chissà quale sedia. Gente che la sporca, la tratta male, la insulta. Ogni tanto, però, si incontra qualcuno che ha negli occhi il mio stesso amore per lei, e li basta uno sguardo per capirsi, per condividere. Sarà che io a Milano devo tanto, sarà che a me Milano non ha mai detto di no, sarà che mi ha presa e mi ha protetta, sarà che per me questo amore non finirà mai.

Un po’ la compatisco, soprattutto ora che sono seduta ad un tavolino di Eataly e penso al teatro che c’era qui prima e che é un peccato non ci sia più. Ma si sa, siamo italiani e il cibo viene prima di tutto e anche se lei, la Cara Milano, ha una delle cucine meno variegate del Paese, accetta tutto, si fa ristrutturare, rinnovare, implementare. Si fa cambiare. Totalmente.

Ma a me non importa. Perché per me sarà sempre la Milano prima odiata, poi temuta e infine, se non si fosse capito, amata.

Ora manca solo d’imparare bene il dialetto milanese, e poi chiedo la cittadinanza onoraria.

Vabbè vado a fà ballà i oeuc.